Top

Uno sguardo all’economia slovacca

marzo 30, 2015 by Italo 

Uno sguardo sull’economia slovacca
Secondo gli ultimi dati elaborati da VUB Banka, nell’ultimo anno la situazione dell’economia slovacca si è caratterizzata per:
un’andatura stabile di crescita del PIL;
una Composizione del PIL stabile e sostenuta sia dal lato della domanda interna che dal lato della domanda estera;
un primo trimestre 2015 relativamente forte per quanto riguarda il settore industriale e il settore delle costruzioni;
un tasso di occupazione decisamente migliorato;
un tasso di inflazione in ribasso, dovuto soprattutto al basso prezzo del petrolio;
rendimenti dei titoli di stato spesso negativi, grazie alle attività di acquisto della BCE.
Nel 2014 la composizione del PIL slovacco risulta essere stata guidata non solo dalla crescita della domanda interna ma anche da un saldo positivo della bilancia commerciale.
Per quanto riguarda il settore industriale, lo scorso anno si è assistito a un leggero calo dell’output totale, anche se l’industria nel suo complesso è riuscita a chiudere con un risultato del +2,4%, migliore rispetto alle aspettative. Analizzando più da vicino i risultati raggiunti dall’industria, si può notare un calo di circa il 4% nel settore automobilistico. I risultati migliori, invece, si sono registrati nella produzione di apparecchiature elettroniche e nella produzione di metalli base.                                                                                                                                                       Anche il settore delle costruzioni ha visto una buona crescita, arrivando ad un aumento del 3,3% nel mese di gennaio, che ha annullato gli effetti dei precedenti ribassi, attestandosi su una crescita annuale dello 0,3% rispetto al mese di gennaio 2014.
Molto significativo è stato anche il continuo ribasso del tasso di disoccupazione, sceso dell’1,6% su base annuale, che si è recentemente attestato intorno al 12,6%. Anche l’inflazione continua a calare, non solo in Slovacchia ma anche a livello europeo; questo fatto è dovuto, in gran parte, al ribasso del prezzo del greggio.
Durante lo scorso mese di Febbraio, il budget statale ha ampliato il proprio “cash deficit” di 680 milioni di euro. Ciò è stato dovuto principalmente a fattori esogeni, piuttosto che a movimenti fiscali consolidati. A livello di contabilità pubblica, si è assistito a un decremento delle entrate fiscali più che compensato, tuttavia, dall’entrata di fondi europei.
Per quanto riguarda invece la situazione europea, si è assistito, negli ultimi mesi, ad un costante decremento dei titoli di stato di molti paesi, in seguito alla politica estensiva di acquisto attuata dalla BCE. Attualmente, i titoli di stato slovacchi, a breve termine, hanno rendimenti molto prossimi allo zero.
La moneta unica europea ha perso molto del suo valore nelle passate settimane rispetto al dollaro. Secondo gli analisti, la motivazione è da ricercare principalmente nelle divergenti politiche tra la Fed americana e la BCE.
Gli analisti di VUB Banka stimano che, complessivamente, l’economia slovacca manterrà i ritmi sostenuti fino ad ora, sia a livello di ouput industriale che di incremento del PIL, attraverso i consumi delle famiglie e la stabilità della bilancia commercSecondo gli ultimi dati elaborati da VUB Banka, nell’ultimo anno la situazione dell’economia slovacca si è caratterizzata per:

Secondo gli ultimi dati elaborati da VUB Banka, nell’ultimo anno la situazione dell’economia slovacca si è caratterizzata per:

un’andatura stabile di crescita del PIL;

una Composizione del PIL stabile e sostenuta sia dal lato della domanda interna che dal lato della domanda estera;

un primo trimestre 2015 relativamente forte per quanto riguarda il settore industriale e il settore delle costruzioni;

un tasso di occupazione decisamente migliorato;

un tasso di inflazione in ribasso, dovuto soprattutto al basso prezzo del petrolio;

rendimenti dei titoli di stato spesso negativi, grazie alle attività di acquisto della BCE.

ID-100293625

Nel 2014 la composizione del PIL slovacco risulta essere stata guidata non solo dalla crescita della domanda interna ma anche da un saldo positivo della bilancia commerciale.

Per quanto riguarda il settore industriale, lo scorso anno si è assistito a un leggero calo dell’output totale, anche se l’industria nel suo complesso è riuscita a chiudere con un risultato del +2,4%, migliore rispetto alle aspettative. Analizzando più da vicino i risultati raggiunti dall’industria, si può notare un calo di circa il 4% nel settore automobilistico. I risultati migliori, invece, si sono registrati nella produzione di apparecchiature elettroniche e nella produzione di metalli base.

Anche il settore delle costruzioni ha visto una buona crescita, arrivando ad un aumento del 3,3% nel mese di gennaio, che ha annullato gli effetti dei precedenti ribassi, attestandosi su una crescita annuale dello 0,3% rispetto al mese di gennaio 2014.

Molto significativo è stato anche il continuo ribasso del tasso di disoccupazione, sceso dell’1,6% su base annuale, che si è recentemente attestato intorno al 12,6%. Anche l’inflazione continua a calare, non solo in Slovacchia ma anche a livello europeo; questo fatto è dovuto, in gran parte, al ribasso del prezzo del greggio.

Durante lo scorso mese di Febbraio, il budget statale ha ampliato il proprio “cash deficit” di 680 milioni di euro. Ciò è stato dovuto principalmente a fattori esogeni, piuttosto che a movimenti fiscali consolidati. A livello di contabilità pubblica, si è assistito a un decremento delle entrate fiscali più che compensato, tuttavia, dall’entrata di fondi europei.

Per quanto riguarda invece la situazione europea, si è assistito, negli ultimi mesi, ad un costante decremento dei titoli di stato di molti paesi, in seguito alla politica estensiva di acquisto attuata dalla BCE. Attualmente, i titoli di stato slovacchi, a breve termine, hanno rendimenti molto prossimi allo zero.

La moneta unica europea ha perso molto del suo valore nelle passate settimane rispetto al dollaro. Secondo gli analisti, la motivazione è da ricercare principalmente nelle divergenti politiche tra la Fed americana e la BCE.

Gli analisti di VUB Banka stimano che, complessivamente, l’economia slovacca manterrà i ritmi sostenuti fino ad ora, sia a livello di ouput industriale che di incremento del PIL, attraverso i consumi delle famiglie e la stabilità della bilancia commerciale.

Fonte: dati VUB Banka

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom