Top

L’iscrizione all’A.I.R.E.

dicembre 19, 2014 by Italo 

Nel 1988 fu istituito, con la legge n°470 art.6, l’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’estero). Si tratta di un registro anagrafe gestito dalla Farnesina (Ministero degli Affari Esteri) il quale consente ai cittadini italiani residenti all’estero di usufruire di alcuni diritti tra i quali, ad esempio:
la possibilità di votare per elezioni politiche e referendum, per corrispondenza nel Paese di residenza, e per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento europeo, nei seggi istituiti dalla rete diplomatico-consolare nei Paesi appartenenti all’UE;
la possibilità di ottenere il rilascio o rinnovo di documenti di identità e di viaggio, nonché certificazioni;
la possibilità di rinnovare la patente di guida.
L’iscrizione all’AIRE rappresenta un diritto-dovere del cittadino. Chiamati a iscriversi all’anagrafe sono:
i cittadini che trasferiscono la propria residenza all’estero per periodi superiori a 12 mesi;
coloro che già risiedono all’estero, sia perché nati all’estero che per successivo acquisto della cittadinanza italiana a qualsiasi titolo.
Nel caso, invece, di lavori stagionali, i cittadini che si spostano per meno di un anno, militari presso uffici esteri o sedi NATO e dipendenti di ruolo dello Stato in servizio all’estero, non hanno l’obbligo civile o legale di iscrizione all’AIRE.
L’iscrizione all’AIRE è effettuata a seguito di dichiarazione resa dall’interessato all’Ufficio consolare competente per territorio entro 90 giorni dal trasferimento della residenza e comporta la contestuale cancellazione dall’Anagrafe della Popolazione Residente (A.P.R.) del Comune di provenienza.
All’apposito modulo di richiesta (reperibile nei siti web degli Uffici consolari) va allegata documentazione che provi l’effettiva residenza nella circoscrizione consolare (es. certificato di residenza rilasciato dall’autorità estera, permesso di soggiorno, carta di identità straniera, bollette di utenze residenziali, copia del contratto di lavoro, ecc.). Qualora la richiesta non sia presentata personalmente va altresì allegata una copia del documento d’identità del richiedente.
L’iscrizione all’A.I.R.E. é completamente gratuita.

Nel 1988 fu istituito, con la legge n°470 art.6, A.I.R.E. (Anagrafe Italiani Residenti all’estero). Si tratta di un registro anagrafe gestito dalla Farnesina (Ministero degli Affari Esteri) il quale consente ai cittadini italiani residenti all’estero di usufruire di alcuni diritti tra i quali, ad esempio:

  • la possibilità di votare per elezioni politiche e referendum, per corrispondenza nel Paese di residenza, e per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento europeo, nei seggi istituiti dalla rete diplomatico-consolare nei Paesi appartenenti all’UE;
  • la possibilità di ottenere il rilascio o rinnovo di documenti di identità e di viaggio, nonché certificazioni;
  • la possibilità di rinnovare la patente di guida.

L’iscrizione all’A.I.R.E. rappresenta un diritto-dovere del cittadino. Chiamati a iscriversi all’anagrafe sono:

  • i cittadini che trasferiscono la propria residenza all’estero per periodi superiori a 12 mesi;
  • coloro che già risiedono all’estero, sia perché nati all’estero che per successivo acquisto della cittadinanza italiana a qualsiasi titolo.

Nel caso, invece, di lavori stagionali, ovvero: cittadini che si spostano per meno di un anno, militari presso uffici esteri o sedi NATO e dipendenti di ruolo dello Stato in servizio all’estero, l’obbligo civile o legale di iscrizione all’A.I.R.E. non sussiste.

L’iscrizione all’A.I.R.E. è effettuata a seguito di dichiarazione resa dall’interessato all’Ufficio consolare competente per il territorio entro 90 giorni dal trasferimento della residenza e comporta la contestuale cancellazione dall’Anagrafe della Popolazione Residente (APR) del Comune di provenienza.

All’apposito modulo di richiesta (reperibile nei siti web degli Uffici consolari) va allegata documentazione che provi l’effettiva residenza nella circoscrizione consolare (es. certificato di residenza rilasciato dall’autorità estera, permesso di soggiorno, carta di identità straniera, bollette di utenze residenziali, copia del contratto di lavoro, ecc.). Qualora la richiesta non sia presentata personalmente va altresì allegata una copia del documento d’identità del richiedente.

L’iscrizione all’A.I.R.E. é completamente gratuita.

Per un approfondimento sulle condizioni necessarie in Slovacchia: Ambasciata d\’Italia a Bratislava e Guida Italiani all’Estero

ID-100200929

Fonte: Ministero dell\’Interno della Repubblica Italiana

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom