Top

Contratti collettivi di livello superiore obbligatori per le aziende con più di 20 dipendenti

novembre 28, 2013 by Italo 

Il Parlamento Slovacco nella giornata di ieri, 27.11.2013, con una seconda votazione ha approvato la Legge sulla Contrattazione Collettiva nel suo testo originale, non tenendo in considerazione nè il veto nè le modifiche proposte dal Presidente. L’opposizione ha annunciato la propria intenzione di ricorrere alla Corte Costituzionale.

La Legge contestata dal Presidente estende automaticamente il carattere vincolante dei contratti collettivi di livello superiore a qualsiasi società che impieghi più di 20 persone in un determinato settore. Tali imprese non devono necessariamente aver acconsentito a tali retribuzioni. Entrata in vigore della legge è prevista dal primo gennaio 2014.

I critici della controversa revisione, progetto-Smer, alla normativa sulla contrattazione collettiva hanno ottenuto una piccola vittoria dopo che il Presidente Ivan Gašparovič ha posto il veto alla Legge che dovrebbe autorizzare i sindacati e i gruppi di dipendenti ad imporre aumenti salariali, anche alle aziende che non hanno prestato il proprio consenso a tali stipendi. La normativa, approdata in Parlamento il 29 ottobre i datori di lavoro e l’opposizione politica.

Anche se Gašparovič ha proposto alcune modifiche alla Legge sulla quale è stato posto il veto, i critici hanno sostenuto che nemmeno tali cambiamenti sarebbero in grado di alleviare le loro preoccupazioni e hanno insistito sul fatto che la Legge sarebbe in contrasto con la Costituzione, poichè indebolirebbe la competitività e porterebbe a licenziamenti.

“La vedo come una decisione responsabile, che prende in considerazione i principali rischi di un’estensione uniforme degli accordi collettivi di livello superiore e cioè la limitazione della libertà di commercio, riducendo la competitività delle imprese, e l’inutile messa in pericolo dei posti di lavoro nelle imprese che pur non avendo, in alcun modo, partecipato a negoziazioni sugli accordi collettivi, ne sarebbero comunque vincolate “, come ha detto Robert Kičina, presidente della Business Alliance della Slovacchia (PAS) allo Slovak Spectator in risposta alla decisione del Presidente.

Il Presidente sostiene che la revisione approvata dal Parlamento, impedisce gli effetti della contrattazione collettiva a livello aziendale, che mira ad un accordo consensuale. Egli ha obiettato che la Legge non definisce ulteriori condizioni per la proroga del contratto collettivo né fissa i criteri per la definizione dell’ “interesse generale” per estendere la sua natura vincolante.

Il Presidente è andato incontro alle obiezioni presentate, tra gli altri dall’Unione Nazionale dei Datori di Lavoro (Ruz), dalla Camera del Commercio e dell’Industria, dall’Associazione dei Sindacati dei Datori di Lavoro (AZZZ), dalla Camera di Commercio Tedesco-Slovacca (SNOPK).

SR

Una sorpresa per i sindacati

La decisone di Gasparovic di porre il veto sulla Legge ha colto di sorpresa i sindacati.
“Durante gli incontri con i rappresentanti dei lavoratori, il Presidente ha da sempre dichiarato la sua nota inclinazione sociale ma, avendo  restituito questa legge [al Parlamento] esso non ha realmente sostenuto la sua tendenza ‘nazionale e sociale’”, come ha detto Jozef Kollár, presidente della Confederazione dei Sindacati (KOZ), durante una conferenza stampa.

Kollár ha ricordato, così come riportato dal newswire SITA, che Gašparovič, un anno fa, ha firmato una revisione ancora più incisiva alla Legge sulla Contrattazione Collettiva che disciplinava l’estensione dei contratti collettivi, senza il consenso del datore di lavoro.

Martina Némethová, portavoce di KOZ, ha detto allo Slovak Spectator che i sindacati continueranno ad insistere affinchè la revisione possa passare nella sua formulazione originale, così come presentata in linea con il programma di Governo. Némethová ha continuato dicendo che l’estensione dei contratti collettivi è uno strumento uniforme volto a bilanciare le condizioni di lavoro, i salari e ad applicare le stesse condizioni di lavoro all’interno dei diversi Stati membri dell’Unione Europea, come ad esempio Francia, Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo.

Emil Machyna, membro del consglio KOZ, ha osservato che se l’estensione dei contratti collettivi non si applica ai datori di lavoro che impiegano fino a 50 persone, i due terzi dei dipendenti non sarebbero protetti da contratti collettivi.
Machyna tuttavia è fiducioso che i membri della Smer al governo ignoreranno il veto, come riferito da SITA.

Il Ministro del Lavoro Jan Richter ha raccontato, durante un talk show in onda sulla televisione pubblica slovacca, di essere stato sorpreso dal fatto che il Presidente abbia rimesso la sua legislazione in riferimento ad un Regolamento comunitario, che non ha molto a che fare con la Legge data. Richter non ha detto se Smer abbia accettato i commenti del presidente.

“Il Signor Presidente si riferisce ad un Regolamento, che non ha nulla a che fare con la contrattazione collettiva”, ha detto Richter.

Le reazioni

“Sono convinto che l’estensione obbligatoria dei contratti collettivi di livello superiore porterebbe alla crisi di alcune società, in particolare quelle che si trovano al limite della sopravvivenza e della chiusura”, ha sostenuto Kičina, “sarebbe ottimo se l’estensione dei contratti collettivi di livello superiore fosse volontaria, il che significa condizionata dal consenso della ditta interessata”.

La portavoce di AZZZ, Miriam Špániková, ha detto che la sua organizzazione aveva fatto appello al Presidente, con una lettera aperta, affinchè non firmasse la Legge. AZZZ nella sua lettera aperta ha avvertito il Presidente che la revisione provocherebbe un intervento nella proprietà privata e potrebbe essere abusata in modo che, ad esempio, un’impresa di un determinato ramo potrebbe negoziare condizioni che, un’altra impresa dello stesso ramo, non sarebbe in grado di sopportare economicamente, arrivando ad eliminarne la concorrenza. “Questo lancerà un’altra ondata di licenziamenti”, ha detto Špániková allo Slovak Spectator.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: , , , , ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom