Top

Il Presidente della Repubblica Slovacca ha firmato l’emendamento alla Legge IVA

novembre 18, 2013 by Italo 

La contabilizzazione IVA dovrà essere obbligatoriamente presentata per via elettronica, in formato XML, secondo un modello stabilito dal ministero delle finanze. Il decreto del Ministro delle Finanze, che disciplina il modello del form per il rapporto contabile, sarà emanato dopo la modifica alla legge e verrà pubblicato nella raccolta normativa. Va detto che la versione definitiva di tale modello è stata già pubblicata nel sito web del Ministero delle Finanze e in quelli delle autorità fiscali.
Il progetto di modifica definisce anche le sanzioni per il mancato rispetto degli obblighi del contribuente relativi alla contabilizzazione IVA. Il rimborso e la detrazione IVA saranno subordinati al rispetto dei nuovi obblighi.
Reverse-Charge interno
Il trasferimento al cliente, destinatario della merce, dell’obbligo di versare l’IVA (Slovak VAT payer) sarà esteso a:
tipi selezionati di colture agricole: merce di cui al capitolo 10 (cereali) e al capitolo 12 (semi e frutti oleosi; semi, sementi e frutti, piante industriali o medicinali, paglia e mangimi) della Tariffa Doganale Comune, che normalmente non rimane inalterata per il consumo finale;
metalli e articoli in metallo: merci di cui al capitolo 72 (ferro e acciaio) e prodotti di cui al codice 7301, 7308 e 7314 della Tariffa Doganale Comune (articoli in ferro e acciaio);
telefoni cellulari e circuiti integrati, in detrminate condizioni definite dalla legge.
Il meccanismo dell’inversione contabile dovrà essere applicato qualora l’importo base imponibile indicato in fattura sarà pari o superiore a 5.000 euro.
Altre variazioni
Rispetto al progetto di modifica, sul quale vi abbiamo già fornito informazioni nel numero di giugno di Tax News, sono state ulteriormente modificate o precisate le seguenti disposizioni:
L’adempimento delle condizioni per l’ottenimento della qualifica di soggetto passivo dell’IVA per legge, sarà soggetto a revisione dall’autorità fiscale. Qualora il certificato di attribuzione di partita IVA non dovesse essere rilasciato dall’autorità fiscale, questa informerà il contribuente sulla base della decisione rilasciata. Non sarà possibile un ricorso contro tale decisione.
L’emendamento specifica che il soggetto passivo dell’IVA sarà obbligato a rilasciare un documento (fattura) che va a modificare o emendare la fattura originale (Art.72 della legge sull’IVA) entro il quindicesimo giorno di calendario dopo la fine del mese in cui è avvenuto l’adeguamento della base imponibile dell’IVA.
La disposizione della legge Slovacca sull’IVA, che va a definire il periodo di regime applicabile ai beni strumentali, è stata modificata in modo rendere maggiormente chiaro che il periodo di adeguamento dovrebbe iniziare ad essere contabilizzato da ogni acquirente dall’inizio, cioè indipendentemente dal periodo in cui i beni strumentali vengono utilizzati per la prima volta.
L’entrata in vigore delle disposizioni relative all’applicazione del meccanismo di inversione contabile sull’importazione di beni, dovrebbe essere prorogata dal 1 gennaio 2014 al 1 gennaio 2014.
La maggior parte delle variazioni diverrà effettiva dal 1 gennaio 2014. Provvederemo ad una panoramica completa delle modifiche conseguenti l’approvazione dell’emendamento sulla Legge sull’IVA, in un fascicolo a parte di Tax and Legal News.

L’8 Novembre 2013 il Presidente della Repubblica Slovacca ha firmato l’emendamento alla Legge IVA, approvato dal Parlamento Slovacco il 17 ottobre 2013. Nel numero di giugno e in quello estivo delle nostre Tax News, vi abbiamo già informato sul progetto della modifica. In un separato Tax Alert, pubblicato in agosto 2013, vi abbiamo riferito sul nuovo obbligo per i contribuenti di presentare un rapporto contabile IVA (“Kontrolný výkaz“) al fisco. Di seguito vorremmo attirare la vostra attenzione su alcune previsioni della modifica che sono state oggetto di cambiamenti o precisazioni durante l’iter legislativo.

Rapporto contabile IVA

Il progetto dell’emendamento introduce un nuovo obbligo per i contribuenti; essi dovranno presentare in forma elettronica i dati relativi alle cessioni interne di beni e servizi, tramite il cosiddetto rapporto contabile IVA (”Kontrolný výkaz”). Questo nuovo obbligo diventerà effettivo a partire dal 1 Gennaio 2014. La dichiarazione dovrà essere compilata per ogni periodo IVA insieme alla dichiarazione IVA a partire dal 25° giorno successivo al termine del periodo d’imposta.

Il rapporto contabile dovrà contenere dettagliate informazioni riguardo il debito e la detrazione IVA per il rispettivo periodo e dovrà essere presentato sulla base delle singole fatture, per la fornitura di beni e servizi, emesse o ricevute dal contribuente. Solo i dati cumulati saranno riportati sulle fatture semplificate emesse dal registratore di cassa elettronico.

I dati forfetari relativi a tutte le altre cessioni di beni e servizi, che non sono soggetti nè a registrazione da parte del registratore di cassa, nè all’obbligo di emissione della fattura, saranno presentati separatamente nel rapporto contabile IVA. Le operazioni esenti IVA non sono soggette alle nuove formalità.

La contabilizzazione IVA dovrà essere obbligatoriamente presentata per via elettronica, in formato XML, secondo un modello stabilito dal ministero delle finanze. Il decreto del Ministro delle Finanze, che disciplina il modello del form per il rapporto contabile, sarà emanato dopo la modifica alla legge e verrà pubblicato nella raccolta normativa. Va detto che la versione definitiva di tale modello è stata già pubblicata nel sito web del Ministero delle Finanze e in quelli delle autorità fiscali.

Il progetto di modifica definisce anche le sanzioni per il mancato rispetto degli obblighi del contribuente relativi alla contabilizzazione IVA. Il rimborso e la detrazione IVA saranno subordinati al rispetto dei nuovi obblighi.

Reverse-Charge interno

Il trasferimento al cliente, destinatario della merce, dell’obbligo di versare l’IVA (Slovak VAT payer) sarà esteso a:

  • Tipi selezionati di colture agricole: merce di cui al capitolo 10 (cereali) e al capitolo 12 (semi e frutti oleosi; semi, sementi e frutti, piante industriali o medicinali, paglia e mangimi) della Tariffa Doganale Comune, che normalmente non rimane inalterata per il consumo finale;
  • Metalli e articoli in metallo: merci di cui al capitolo 72 (ferro e acciaio) e prodotti di cui al codice 7301, 7308 e 7314 della Tariffa Doganale Comune (articoli in ferro e acciaio);
  • Telefoni cellulari e circuiti integrati, in detrminate condizioni definite dalla legge.

Il meccanismo dell’inversione contabile dovrà essere applicato qualora l’importo base imponibile indicato in fattura sarà pari o superiore a 5.000 euro.

Altre variazioni

Rispetto al progetto di modifica, sul quale vi abbiamo già fornito informazioni nel numero di giugno di Tax News, sono state ulteriormente modificate o precisate le seguenti disposizioni:

  • L’adempimento delle condizioni per l’ottenimento della qualifica di soggetto passivo dell’IVA per legge, sarà soggetto a revisione dall’autorità fiscale. Qualora il certificato di attribuzione di partita IVA non dovesse essere rilasciato dall’autorità fiscale, questa informerà il contribuente sulla base della decisione rilasciata. Non sarà possibile un ricorso contro tale decisione.
  • L’emendamento specifica che il soggetto passivo dell’IVA sarà obbligato a rilasciare un documento (fattura) che va a modificare o emendare la fattura originale (Art.72 della Legge IVA) entro il quindicesimo giorno di calendario dopo la fine del mese in cui è avvenuto l’adeguamento della base imponibile dell’IVA.
  • La disposizione della Legge IVA slovacca, che va a definire il periodo di regime applicabile ai beni strumentali, è stata modificata in modo rendere maggiormente chiaro che il periodo di adeguamento dovrebbe iniziare ad essere contabilizzato da ogni acquirente dall’inizio, cioè indipendentemente dal periodo in cui i beni strumentali vengono utilizzati per la prima volta.
  • L’entrata in vigore delle disposizioni relative all’applicazione del meccanismo di inversione contabile sull’importazione di beni, dovrebbe essere prorogata dal 1 gennaio 2014 al 1 gennaio 2014.

La maggior parte delle variazioni diverrà effettiva dal 1 gennaio 2014. Provvederemo ad una panoramica completa delle modifiche conseguenti l’approvazione dell’emendamento alla Legge IVA, in un fascicolo a parte di Tax and Legal News.KPMG_NoCP_RGB

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: , , , ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom