Top

Modifiche alla legislazione slovacca e altri temi – Giugno 2013

giugno 25, 2013 by Italo 

Kpmg tax e legal newsLa Croazia diventerà il 28esimo membro dell’Unione Europea a partire dal 1° luglio 2013. Chi commercia o conduce attività in Croazia dovrà fronteggiare implicazioni doganali riguardanti la VAT (Value Added Tax o Imposta sul Valore Aggiunto) a seguito dell’entrata della Croazia nell’UE.
Cambiamenti dell’IVA
I beni scambiati tra Slovacchia e Croazia, in accordo con le esistenti regole dell’UE, diventano “beni intra-community”; quelli prodotti in Slovacchia e destinati alla Croazia saranno registrati nella “Slovak EC Sales List”. Un fornitore slovacco dovrà controllare il numero della partita IVA del suo cliente croato.
L’importazione di beni in Croazia provenienti da paesi non membri dell’UE sarà ancora soggetta a imposte di importazione e alla VAT di importazione; tuttavia, sarà possibile essere esenti dal pagamento dell’VAT quando i beni importati saranno venduti ad un altro paese membro.
In Croazia, in linea con le regole UE riguardanti l’IVA sui servizi cross-border, la maggior parte dei servizi dati da fornitori croati verso clienti non croati non saranno più soggetti all’IVA croata.
Il meccanismo dell’inversione contabile (reverse – change) sarà applicato alla fornitura di servizi edili e alla vendita di azioni attraverso procedure di vendita obbligatorie.
Il rimborso dell’IVA a favore di entità non croate sarà semplificato in particolar modo per quelle entità costituite in altri stati membri dell’UE.
Implicazioni doganali
Tutti i beni che prima del 1° luglio 2013 sono scambiati liberamente in Croazia, a partire dalla suddetta data saranno scambiati liberamente in tutta l’Unione Europea senza l’applicazione di alcun dazio doganale. Lo stesso accadrà per i beni attualmente in libera circolazione nell’Unione Europea e che saranno spediti in Croazia a partire dal 1° luglio 2013.
I beni che rientrano nei regimi doganali al momento dell’adesione saranno esenti da qualsiasi tipo di dazio doganale se sarà possibile dimostrare che provengono dalla Croazia o dall’UE.
Le libertà doganali emesse dalle autorità croate prima dell’ingresso della Croazia nell’Unione Europea, saranno valide per un anno a partire dal 1° luglio 2013.
L’OECD approva i “Porti sicuri”
Il 16 maggio 2013 l’OECD ha approvato una modifica della Sezione E riguardante i “Porti sicuri” nel capitolo IV delle “Linee Guida dei Prezzi di Trasferimento” come parte del suo progetto di migliorare gli aspetti amministrativi dei prezzi di trasferimento. Per “Porti sicuri” si intendono speciali disposizioni applicate a specifiche categorie di contribuenti o transazioni,che sollevano alcuni contribuenti da certe obbligazioni altrimenti imposte dalle regole generali di prezzo di trasferimento applicate dai paesi.
Inizialmente non si pensava che i Porti sicuri fossero compatibili con i principi di libera concorrenza, tuttavia l’OECD scoprì che c’era già un numero di paesi membri che aveva adottato (una sorta di) disposizioni in tal senso.
Tassazione delle obbligazioni e dei buoni del tesoro dal 1° Luglio 2013
La recente modifica alla legge doganale, che peraltro ha modificato anche la legge sulle tasse reddituali, ha introdotto le seguenti modifiche:
1. Il reddito d’imposta da obbligazioni e buoni del tesoro derivante dagli slovacchi residenti  fiscali e dalle unità operative slovacche permanentemente stabilite non residenti fiscali, non sarà considerato come reddito soggetto a imposta in Slovacchia. La modifica dovrebbe incrementare l’attrattività delle obbligazioni domestiche sui mercati esteri e facilitare l’ottenimento del finanziamento del credito per le imprese slovacche.
2. Il reddito di imposta degli slovacchi pagatori di imposta da obbligazioni e buoni del tesoro non sarà soggetto a una ritenuta fiscale. In tal modo i soggetti individuali saranno obbligati ad accertare il loro debito di imposta da tale reddito attraverso la compilazione della dichiarazione dei redditi. Il proposito di queste modifiche legislative è quello di unificare il sistema di tassazione delle obbligazioni statali e dei buoni del tesoro con le tasse imposte alle obbligazioni fiscali. Solo il reddito da obbligazioni e buoni del tesoro ricevuto dai pagatori di imposta, non stabilito o fondato per la gestione di impresa, dal fondo di proprietà nazionale della Repubblica Slovacca e dalla banca nazionale slovacca sarà soggetto alla ritenuta alla fonte.
Le modifiche di cui sopra dovranno essere applicate a tutti i redditi da obbligazioni e buoni del tesoro che saranno pagati, sgravati o accreditati a beneficio del contribuente a partire dal 1° Luglio 2013.
Servizi in materia assicurativa dalla prospettiva dell’IVA
Non è semplice stabilire quali servizi nell’area delle assicurazioni dovranno rientrare nell’esenzione dell’IVA, poiché la legge sull’IVA non stabilisce nè i termini dell’attività di assicurazione e riassicurazione, nè i termini di intermediazione assicurativa e riassicurativa. Esentare i servizi dall’IVA basandosi sui termini utilizzati nella legislazione assicurativa potrebbe generare un rischio di imposta sia per i fornitori di questi servizi  sia per i loro destinatari registrati per l’IVA in Slovacchia e che si procurano questi servizi da un altro stato membro dell’UE.
Secondo l’opinione del Direttorato Finanziario Ceco (FR), basato sulla decisione della Corte Europea di Giustizia, lo scopo dei servizi esenti dall’IVA dovrebbe essere interpretato in maniera più rigorosa rispetto a quanto definito nella legislazione assicurativa Ceca.
I servizi educativi nell’area assicurativa, la liquidazione di eventi assicurativi, l’esame di  frodi assicurative e amministrative dei contratti di assicurazione forniti come servizi separati non dovrebbero essere quindi esenti da tasse.
Il sistema di amministrazione fiscale slovacco non ha ancora rilasciato nessun articolo sui servizi assicurativi. Ciò vuol dire che entrambi le intepretazioni possono essere utilizzate nella pratica: quello più ampio (basato sulla legislazione assicurativa) e quello più stringente (basato sulla normativa UE sulle decisioni della Corte di Giustizia Europea).

Kpmg tax e legal news

Gentili lettori,

nel seguente articolo verranno illustrate importanti novità apportate alla legislazione slovacca riguardo i seguenti temi: modifiche sul pagamento dell’IVA sui beni scambiati con la Croazia e implicazioni doganali che si avranno a seguito dell’imminente ingresso della Croazia nell’Unione Euroepa, modifica da parte dell’OCSE sul tema dei “Porti sicuri”, novità sulle recenti modifiche apportate alla legge doganale e importanti informazioni sul rapporto tra IVA e servizi assicurativi.

Ingresso della Croazia nell’UE: IVA e implicazioni doganali

Cambiamenti dell’IVA

La Croazia diventerà il 28esimo membro dell’Unione Europea a partire dal 1° luglio 2013. Chi commercia o conduce attività in Croazia dovrà fronteggiare alcune importanti novità riguardanti il pagamento dell’IVA sui beni che vengono importati e/o esportati in Croazia.
Implicazioni doganali

Nel seguente articolo verranno illustrate alcune informazioni riguardanti le implicazioni doganali che si avranno a partire da quando la Croazia diventerà un paese membro.
marechiaro
L’OCSE approva i “Porti sicuri”

Durante il mese di maggio l’OCSE ha modificato la sezione riguardante i “Porti sicuri” delle “Linee guida dei prezzi di trasferimento”.
Tassazione delle obbligazioni e dei buoni del tesoro dal 1° Luglio 2013

In questo articolo presentiamo alcune importanti modifiche apportate alla legge doganale e alla legge sulle tasse reddituali che entreranno in vigore a partire dal 1° luglio 2013.
Servizi in materia assicurativa dalla prospettiva dell’IVA
Quali servizi assicurativi dovrebbero essere esenti dal pagamento dell’IVA e quali no?! Molto dipende dall’interpretazione che le autorità slovacche danno alle diverse definizioni riguardanti i servizi assicurativi.
Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: , , , , , , , ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom