Top

Come Trento sta diventando la capitale della knowledge economy

aprile 26, 2011 by Italo 

In un interessantissimo reportage, Linkiesta riporta il caso studio di Trento e provincia, un distretto destinato a diventare la capitale italiana della knowledge economy, già patria del Festival dell’economia, che ogni anno porta in città Premi Nobel, esperti, politici, guru.

DM050610_033

La ricetta che sta portando al successo questa visione collettiva si basa su quella ricerca di Richard Florida che portò alla pubblicazione de “L’ascesa della Classe Creativa”. Ma alle tre T originali (Talento, Tecnologia, Tolleranza) sembra remare contro una quarta T: il Territorio.

In realtà il Trentino, con i suoi frutteti e i suoi masi (abitazioni agricole), non sembra la culla ideale per una knowledge economy. Nessuno penserebbe che qui lavorano quasi 2.650 tra ricercatori e tecnici (circa lo 0,52% dei residenti, rispetto allo 0,40% nazionale). O che dal 2000 al 2008 la spesa in ricerca e sviluppo (R&S) è più che raddoppiata, toccando l’1,25% del Pil: una percentuale superiore a quella della Lombardia (1,24%), dell’Italia (1,23%), e della provincia autonoma “gemella” Bolzano (0,57%).

Un contesto «noioso» e «senza brio», con un aeroporto troppo piccolo e collegamenti ferroviari e stradali di portata modesta, non dovrebbe infatti attirare quei talenti creativi che, sempre secondo Florida, in questa era dalla facile mobilità, viaggiano molto. Ed invece il 6% degli iscritti alle 6 facoltà universitarie trentine, è rappresentato da stranieri, il doppio rispetto alla media nazionale del 3%.

La classe creativa cerca comunità che siano aperte, variegate, e ricche di attrattive (una scena artistica vibrante, buoni ristoranti, sicurezza e così via). Anche bellezza e autenticità giocano un ruolo. Con il Trentino, e il vicino Alto Adige, la natura non è certo stata matrigna: si pensi solo alle Dolomiti, patrimonio dell’Unesco. Trento vanta poi uno splendido patrimonio architettonico. Rovereto, che con i suoi 38mila abitanti è il secondo centro urbano provinciale, ha il Mart, uno dei musei d’arte moderna e contemporanea più interessanti d’Italia.

header-HUB_2

Non a caso proprio a Rovereto è nato di recente un The Hub locale, che va ad affiancarsi a quello già presente, in Italia, nella sola Milano. Il The Hub, uno degli esempi più innovativi di incubatore di impresa sociale, per funzionare ha bisogno di essere posizionato al centro di un territorio ricco di creatività o capace di attirarne.

Per sapere come Talento, Tecnologia e Tolleranza sono state valorizzate all’interno di un territorio che conta all’incirca mezzo milione di abitanti, e per conoscere i numeri di questa straordinario distretto d’eccellenza italiana, invitiamo ovviamente alla lettura del reportage di Gabriele Catania.

Via: Luca De Biase e Linkiesta

Linkiesta ha visto Trento

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: , ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom