Top

Come ti gestisco l’innovazione di chi fa innovazione – I° parte: Elips porta Amet in Slovacchia

luglio 26, 2010 by Italo 

Amet Slovakia rappresenta un ottimo esempio di come gli strumenti dell’ Elips Innovation Box possono essere utilizzati a 360°.

Da una parte c’è infatti l’avvio delle attività in un nuovo paese (la Slovacchia) che comprende  la ricerca di supporti finanziari adeguati in fase di start-up come a pieno regime. Dall’altra la necessità di creare una rete con i centri di ricerca presenti nel territorio di riferimento.

Abbiamo chiesto ad Andrea Argondizza, CEO di Amet Italia e di Amet Slovakia, di parlarci di come questa collaborazione nasce e prosegue tutt’oggi.

Amet Italia arriva in Slovacchia grazie ad Elips che ne gestisce il processo in toto, dall’individuazione degli spazi alla ricerca dei fondi strutturali adeguati, fino ai servizi di sviluppo di tecnologie e di ricerca sul mercato slovacco.

Nelle parole di Andrea Argondizza sono molto chiari gli obiettivi dell’internazionalizzazione: “vorremmo creare una base di attività e di relazioni più strutturata e più ricca in Europa del Centro-Est. Abbiamo infatti scelto la Slovacchia anche per la sua posizione baricentrica”.

Elips intravede fin da subito le potenzialità di Amet Slovakia, tanto da diventarne partner: non si tratta di un’impresa che internazionalizza la propria produzione. Così come Amet Italia, Amit Slovakia è infatti una società di ingegneria per l’high-tech, la cui mission è “migliorare le capacità di innovazione di prodotto e di processo nei settori automotive, ferroviario, aerospaziale, energetico e dei macchinari di produzione”.

Alcuni dei clienti più importanti sono il gruppo Fiat, Finmeccanica e i produttori automotive presenti in Slovacchia come Volkswagen e PSA.

Da socio di Amet Slovakia, Elips ha un “coinvolgimento costante nelle attività a livello strategico e di gestione dell’innovazione, mentre quello tecnico rimane in capo ad Amet”.

Con Elips, nonostante il periodo di piena Crisi Economica, Amit ha presentato ed ha visto approvati nell’ultimo anno i finanziamenti per 9 progetti. “Ma non è tutto -- prosegue Argondizza - grazie alla conoscenza molto forte della realtà locale, Elips aumenta la visibilità, i contatti e le relazioni di Amet Slovachia”.

Per avere una idea di quali siano gli output provenienti dagli ingegneri di Košice, dove ha sede Amit Slovakia, il suo CEO ci descrive il progetto di un veicolo a 3 ruote con propulsione ibrida, in cui Amet Slovakia ha sviluppato una struttura di sicurezza passiva che lo rende comparabile ad un veicolo di ben altre dimensioni e caratteristiche.

Un altro progetto interessante è quello dello studio di macchinari per il collaudo, tramite tecniche ad ultrasuoni, di parti in materiale composito, cioè tutte le parti di volo di aerei ed elicotteri. Sono macchine con un altissimo livello di innovazione. “La tecnica di controllo ad ultrasuoni è fondamentale per la sicurezza dei componenti di volo di tutta l’industria aerospaziale in genere”.

Segue l’indice delle domande:

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: , , , ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom