Top

Chi sono i piccoli produttori che puntano sulla qualità per conquistare i mercati dell’est Europa?

aprile 13, 2010 by Italo 

Tutti assieme affollano una grande sala dell’Austria Trend Hotel di Bratislava ed aspettando l’inizio della conferenza stampa si conoscono, assaggiano e offrono prodotti, li confrontano e si scambiano biglietti da visita.

Nel presentare i propri vini, olio, pasta e conserve trasmettono la passione che li porta a fere bene il proprio lavoro: essere eccellenze del made in Italy.

Al Gourmet’s Italia Bratislava erano presenti oltre una sessantina di piccoli produttori selezionati dalla commissione di assaggio del Merano Wine Festival, l’evento che dal 1992 promuove i prodotti di altissima qualità italiana.

C’era Mario di Palma, che ha deciso di produrre olio dai terreni di famiglia. Nonostante sia già un felice imprenditore del settore edile, ha deciso di investire nell’Azienda Agricola di Palma, producendo l’olio extravergine di oliva AraIani. I numeri sono veramente piccoli, ma la sua presenza a Bratislava ha indicato la volontà di farsi conoscere al di fuori del propri confini: “con l’aiuto delle Camere di Commercio Italiane all’Estero e di manifestazioni come questa bisogna far conoscere il nostro territorio e quelli che sono i nostri valori anche organizzando scambi, perché venendo laddove vi invito io potrete rendervi conto da soli di quel che ci sta”.

Alla fine della conferenza stampa, dopo le domande dei giornalisti slovacchi presenti, gli ospiti hanno iniziato a girare per i tavoli, incuriositi dai vari sapori presenti.

IMG_0855

Dietro uno di questi tavoli il giovane Francesco Strangis presentava il Sangiovese e il Grechetto della Cantina Chiorri: azienda a conduzione familiare con sede vicino Perugia. La loro presenza al Gourmet è dovuta all’esperienza di Helmut Köcher, fondatore del Merano Wine Festival, e a cui si deve l’idea di aver portato dal 2009 il festival in Europa e includendo con il 2010 anche la tappa di Bratislava: “è una persona molto in gamba; ha deciso di venire qui; ci siamo affidati a lui”.

L’idea di Helmut Köcher nasce dall’esigenza da una parte “di aprire una piccola finestra internazionale sul Merano Wine Festival” e dall’altra di dare l’opportunità ai produttori selezionati di piazzarsi sui mercati esteri”.

IMG_0804

Ciro Moccia ha deciso di candidarsi per l’Euro Tour 2010 dopo aver conosciuto lo stesso Köcher al Vinitaly di Verona. L’azienda che gestisce insieme agli altri tre fratelli è la Fabbrica della Pasta di Gragnano, famosa per produrre il formato di pasta più grande al mondo. Innovano nelle forme e nella tecnologia di controllo dei processi produttivi. Esportano in tutto il mondo: l’ultima bandierina che gli manca è nei paesi dell’est Europa, da qui la loro presenza a Bratislava. La qualità che promuove il tour internazionale serve anche ad evitare la concorrenza scorretta: “ci stanno copiando, ma ci difendiamo cercando di divulgare la differenza tra un prodotto come il nostro curato nei minimi dettagli e uno copiato spesso in modo approssimativo”.

Ci vuole una miscellania di pubblico e privato per organizzare eventi che vengono bene come questo”, ha affermato Mario di Palma. Ed infatti partner dell’evento erano istituzioni pubbliche come la Regione Campania ma grande importanza hanno avuto anche le Camere di Commercio locali.

IMG_0860

In effetti è stata Promosiena, agenzia della Camera di Commercio di Siena, a proporre a Pia Martha Jäger di portare al Gourmet’s Italia la sua Carpineto, azienda vinicola dal 1967. La Carpineto è già saldamente presente nei mercati di Canda, USA, Austrralia, Germania e Svizzera, mentre le esportazioni ad est dai piccoli numeri vedono le proprie vendite in aumento. Un altra prova della crescita del mercato dell’Europa dell’est.

Per conoscere le altre aziende presenti vi rimandiamo al catalogo Gourmet’s Italia Bratislava.

Per sentire le parole degli produttori intervistati vi rimandiamo invece ai video realizzati:

  1. Come nasce l’Euro Tour – Gourmet’s Italia?
  2. I protagonisti dell’Euro Tour – Gourmet’s Italia: gli espositori si presentano
  3. Come si articola la presenza dei piccoli produttori di eccellenze all’estero?
  4. Internazionalizzare tra fiere e Camere di Commercio: i bisogni e le aspettative dei piccoli produttori

Come nasce l’Euro Tour – Gourmet’s Italia?
I protagonisti dell’Euro Tour – Gourmet’s Italia: gli espositori si presentano
Come si articola la presenza dei piccoli produttori di eccellenze all’estero?
Internazionalizzare tra fiere e Camere di Commercio: i bisogni e le aspettative dei piccoli produttori
Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: , , , , , , , ,

Comments

One Response to “Chi sono i piccoli produttori che puntano sulla qualità per conquistare i mercati dell’est Europa?”

  1. La Camera di Commercio di Siena per l’innovazione e l’internazionalizzazione : www.italoblog.it on aprile 26th, 2010 09:05

    [...] Alla partecipazione alle fiere è necessario affiancare nuovi tracciati, perché l’importante, più dellla fiera, è il dopo fiera, momento in cui si vanno ad utilizzare i contatti acquisiti (come abbiamo già sentito dire qui). [...]

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom