Top

La “gloriosa” Lucchini diventa russa

marzo 9, 2010 by Italo 

“Se si dovesse trovare un titolo al triste epilogo della parabola della gloriosa siderorgia privata italiana, forse non ce ne sarebbe uno più azzeccato: alla Russia con dolore.
Con la cessione dell’ultimo 2o% rimasto in mano alla famiglia, la gloriosa Lucchini è diventata al 100% di proprietà del colosso moscovita Severstal.

“Se si dovesse trovare un titolo al triste epilogo della parabola della gloriosa siderurgia privata italiana, forse non ce ne sarebbe uno più azzeccato: alla Russia con dolore.

Con la cessione dell’ultimo 2o% rimasto in mano alla famiglia, la gloriosa Lucchini è diventata al 100% di proprietà del colosso moscovita Severstal.

http://www.cittadinirovereto.it/diario/wp-content/uploads/2008/12/acciaierie.jpg

Questo l’incipit dell’articolo di Massimo Giannini, dalle pagine di La Repubblica, inserto “Affari e Finanza” mentre queste sono le sue conclusioni:

“Ora ci sarà da rilettere sui limiti del nostro capitalismo familistico, in cui i figli quasi mai si dimostrano in grado di difendere il solco tracciato dai padri.

E ci sarà da recriminare a fondo su una recessione mondiale che ha colpito senza pietà l’hardpower delle economie produttive.

Ma nel caso specifico la vicenda Lucchini è anche il drammatico paradigma di un Paese che si sta lentamente impoverendo per totale mancanza di una politica industriale.

C’è stato un tempo in cui, oltre alla chimica, all’informatica, all’impiantistica, all’alimentare, esisteva una rinomata tradizione dell’acciaio italiano. Privato (quello dei Riva e del mitico Luigi Lucchini, ribattezzato il re del tondino ) e pubblico (quello della grande Fiosider). Ora, anche qui, non c’è quasi più nulla. Ecco cosa intendiamo, a dispetto delle false rassicurazioni governative, quando cootinuiamo a ripetere che da questa crisi uscirà un’italia pù povera”.

Qui tutto l’articolo.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: , , ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom