Top

La visione di Prodi sul futuro dell’industria italiana guarda a Est

febbraio 19, 2010 by Italo 

Grazie a firstdraft, riportiamo la lezione magistrale di Romano Prodi, intervenuto a Pisa a Manifutura, sul futuro dell’industria italiana.

L’intervento è una miniera di spunti con riflessioni su tecnologie,  strutture ricettive,  centri di ricerca, distretti, clusters per arrivare riflettere sui nuovi mercati a Est.

Non mancano punte di cinismo: “…dobbiamo essere più presenti a Bruxelles dove prendiamo le briciole”.

Qui la V parte della sua lezione:

Qui la IV:

Qui potete trovare il resto.

FirtDraft riporta un’interessante l’approfondimento sul settore industriale italiano:

L’Italia è un paese industriale. In Europa non siamo in molti. Certo, c’è la Germania: il 24% del valore aggiunto dell’economia tedesca è industriale.

Ma negli altri paesi le cose non stanno così. In Francia la percentuale scende al 12%, in Gran Bretagna addirittura all’11%. In Italia ci attestiamo al 18,4% (con un Centro Nord molto simile agli amici tedeschi).

Questa nostra struttura produttiva non è sgangherata come si credeva: se consideriamo l’arco temporale che va dal 2002 al 2008, vediamo che il nostro paese ha mantenuto la sua competitività a livello internazionale, contrariamente alle tante previsioni di declino.

In questi sei anni, la Cina ha visto la sua quota di mercato a livello internazionale crescere del 156% (dal 4,9% al 12,6%); l’Italia è cresciuta pochino, è vero (3%, dal 3,7% del commercio mondiale al 3,8%), ma ha fatto decisamente meglio di tante economie più importanti della nostra: il Giappone, nello stesso arco di tempo ha registrato un netto -17%, la Francia -29%, il Regno Unito -44%, gli Stati Uniti -25%.

A cosa dobbiamo la forza della nostra industria?

Ai settori del made in Italy, in primis la meccanica strumentale (la meccanica non elettronica e i mezzi di trasporto ad eccezione degli autoveicoli). Sono i settori in cui non si emerge con poche tecnologie di punta, ma con la combinazione di strumenti e soluzioni tecnologiche multiple, molto difficili da imitare. Sul mercato globale dei beni di investimento abbiamo un saldo attivo di 23mld di euro (la Germania di 87).

Se le cose sono andata bene finora, la crisi cambia profondamente lo scenario a cui ci siamo abituati.

Il 30% delle nostre imprese della meccanica sono legate in un modo o nell’altro all’edilizia, in grande crisi a livello globale. La saturazione della nostra capacità produttiva è attestata complessivamente al 70%, un valore  preoccupante.

Abbiamo registrato un calo delle esportazioni del 17-18%: in pratica siamo tornati indietro di 25 trimestri. Troppo per non pensare a una politica industriale che ci guidi fuori dalla crisi.

Che fare?

Prodi ritorna alla politica e indica diverse opzioni. La più esplicita è quella di guardare a Est.

Cina e India rappresentano un mercato di 2 miliardi di persone.

Per uscire dalle crisi bisogna guardare alle discontinuità. Se vogliamo rimettere in moto la nostra industria dobbiamo portare in queste economie la nostra capacità di presidiare nicchie di mercato già consolidate e scoprirne delle altre. Quelli che sono stati per anni i nostri imitatori e i nostri concorrenti dovrebbero diventare il nostro mercato di riferimento”.

Giusto 3 giorni fa dicevamo che l’export italiano cresce grazie al Bric

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: , , , , , , ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom