Top

30mila piccole imprese in meno nel 2009

febbraio 2, 2010 by Italo 

Il 2009 si è chiuso con un bilancio a due facce, per il sistema delle imprese italiane.

Il segno “più” resiste, infatti, davanti al dato del saldo complessivo di 17.385 imprese (pari ad un tasso di crescita dello 0,28%, il più modesto dal 2003), come risultato della differenza tra le imprese nate nei passati dodici mesi (385.512 unità) e quelle cessate nello stesso periodo (368.127).

Dietro al saldo generale, tuttavia, si muovono le diverse anime dell’imprenditoria italiana: da un lato, continua la dinamica positiva delle società di capitali, aumentate di 45mila unità; dall’altro, la crisi sembra acuire le difficoltà delle imprese più piccole, soprattutto quelle di tipo individuale, che l’anno scorso sono complessivamente diminuite di 30mila unità, più della metà delle quali artigiane”.

Ne avevamo già parlato qui, ma limitandoci al lato positivo: ora, grazie ad Unioncamere, i dati a disposizione mettono in luce anche il lato meno rassicurante che tocca direttamente la vera forza del sistema economico produttivo italiano, cioè le piccole imprese.

I dati demografici disaggregati per settore produttivo indicano che la crisi evidente sia del settore dell’agricoltura che quello manifatturiero.

Immagine 1

L’agricoltura ha un suo saldo negativo pari a -18.816 unità, e contribuisce a dimezzare il saldo attivo delle imprese extra-agricole (che è stato superiore alle 37.500 unità).

Anche i dati sul settore manifatturiero, chiariscono “con quanta forza la crisi si è abbattuta sulle imprese artigiane che operano in questo settore e in quelli delle costruzioni e della logistica (trasporti, magazzinaggio e comunicazioni)”

“Il risultato migliore è quello del cosiddetto settore dei Servizi alle imprese che ha fatto registrare il saldo più elevato in assoluto con 14.869 unità. Notevole risulta la tenuta complessiva del Commercio, con un saldo positivo che arriva a 6.591  unità, nonostante la riduzione delle imprese artigiane dedite alla riparazione dei beni personali e per la casa o alla manutenzione e riparazione di motocicli e veicoli (-1.646 unità) collocati nel Commercio. Significativo il saldo del settore Alberghi e ristoranti che, con un saldo attivo di 8.403 unità ha superato anche il buon risultato del 2008 (7.738 unità).

Per maggior completezza, nel sito di Unioncamere, l’ente pubblico che rappresenta le Camere di Commercio italiane, è disponibile il comunicato stampa.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: , , , , , ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom