Top

20 anni dalla caduta del muro: il ruolo della Fondazione Italia-Slovacchia in una Unione Europea “una e molteplice”

dicembre 10, 2009 by Italo 

Nella conferenza “1989-2009: l’Europa a vent’anni dalla rivoluzione di velluto” si è parlato di una Unione Europea che trova la propria identità nell’integrazione tra le diverse culture che la compongono anche attraverso gli imprenditori come ponti tra le diverse culture, citando l’intervento del Professor Gianluca Bocchi.

“Tantissimi imprenditori hanno agito di impulso dopo il 1989 aprendosi ai mercati europei” e per questo oggi occorre “formare anche loro che operano in realtà così diverse e variegate con conoscenze storiche e culturali“.

La sfida è di creare un minimo comune denominatore anche per i più giovani per dare forma a questa Europa che nasce dalle differenze e dalla cooperazione: “una e molteplice” è la definizione usata da Bocchi come titolo del suo ultimo libro scritto a quattro mani col Senatore Mauro Ceruti.

S.E. Brunella Cornacchia Borzi, Ambasciatore di Italia in Bratislava, si è concentrata invece sui problemi e sulle opportunità dell’Unione Europea a 20 anni dalla  caduta del muro con una domanda portante: come possiamo  utilizzare il nostro background culturale e sociale per porsi come guida per uscire dalla crisi?

Ľubomír Drobný ha presentato la Fondazione Italia-Slovacchia di cui è Presidente e il cui obiettivo è di supportare i professori e gli studenti del Liceu L.Saru di Bratislava ed aprire un centro linguistico italiano che faccia da nodo per la comunità italo-slovacca.

Gabrio Vitali, professore dello stesso Liceo bilingue L. Saru di Bratislava, ha moderato l’intervento del professor Bocchi, portando il suo contributo oltre che sulla diversità culturale come motore dell’UE, senza dimenticare la crisi e il welfare.

La conferenza era rivolta agli sudenti del Liceo L. Saru, ragazzi slovacchi che hanno scelto l’italiano come seconda lingua, che vivono nel pieno sviluppo politico dell’Unione Europea, ma che sono nati dopo il 1989. Per loro i contributi degli ospiti serviranno a conoscere un periodo storico di cui non bisogna perdere memoria.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: , , , , , ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom