Top

La crisi nell’EST Europa

aprile 1, 2009 by Italo 

Due articoli del sole24Ore sulla crisi a Est:

Qui su ” I rendimenti dei credit default swap (Cds) misurano idealmente il premio annuo che un investitore paga per assicurarsi contro il fallimento di un emittente e per questo sono una misura del rischio che ciascun creditore corre investendo in titoli obbligazionari di una società o di uno Stato. Qui sotto vengono riportati (in punti base) i valori legati ai benchmark a 5 anni di Paesi dell’Est europeo rilevati il 23 febbraio”.

cds-paesi-europa-est1

E sul blog bedaromano.blog.ilsole24ore.com sull’esposizione tedesca e italiana verso Est:

“A preoccupare di più l’establishment tedesco è il fallimento di un Paese della zona euro o la deriva dell’Europa dell’Est? L’esposizione delle banche tedesche agli annelli deboli dell’Unione monetaria – tra gli altri Irlanda, Grecia e Spagna – è enorme: circa il 25% del prodotto interno lordo della Repubblica Federale. Ma anche la grande regione dell’Europa dell’Est pesa nell’economia nazionale ed è fonte di gravi timori in questo contesto di grave crisi economica. Non passa giorno senza che la stampa tedesca dia conto degli ultimi sviluppi. Questa settimana il quotidiano Handelsblatt ha definito la regione “un’isola di instabilità”, mentre il settimanale Die Zeit ha detto di temere “disordini sociali e caos politico”….

…Nel 1999 le esportazioni dei Paesi membri dell’Unione monetaria verso i dieci Paesi dell’Europa centro-orientale – che nel 2004 e nel 2007 sarebbero entrati nella UE – ammontavano a 83,5 miliardi di euro. Nel 2008 erano triplicate a 243,1 miliardi di euro. Germania e Italia sono stati i primi a beneficiare del forte sviluppo economico della regione in quest’ultimo decennio. L’export tedesco è salito da 39,9 a 115,4 miliardi; quello italiano da 11,7 a 30,0 miliardi. Nel frattempo, le importazioni della zona euro dall’Europa dell’Est sono aumentate dai 67,9 miliardi del 1999 ai 193,4 miliardi del 2008. Anche gli investimenti diretti dei Paesi dell’Unione monetaria sono cresciuti: dai 97,2 miliardi del 2002 ai 225,6 miliardi del 2006. Come per le esportazioni, in prima fila sono sempre Germania e Italia. Tra il 1998 e il 2006 gli investimenti tedeschi sono saliti da 14,6 a 49,4 miliardi; tra il 2000 e il 2007 quelli italiani sono balzati dai 3,5 ai 9,8 miliardi. Due ultime cifre: tra 2000 e il 2005 il giro d’affari delle filiali di imprese tedesche nella regione è balzato da 52,8 a 122,9 miliardi di euro, mentre tra il 2002 e il 2007 il numero dei passeggeri sui voli aerei tra la Germania e l’Europa dell’Est è raddoppiato da quattro a otto milioni”.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags: ,

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom