Top

Il web come strumento di governo

aprile 9, 2009 by Italo 

“Usare le potenzialità del web per informare i cittadini sugli effetti della crisi e sulle misure d’intervento sociale e sostegno all’economia, proporre e discutere soluzioni condivise, offrire strumenti di auto-aiuto. E’ quello che stanno cercando di fare le amministrazioni di alcuni Paesi, con l’obiettivo di coordinare, informare, rassicurare.

In questo settore, il faro-guida è sicuramente la Casa Bianca di Barack Obama. Il nuovo presidente USA non solo ha voluto usare Youtube per anticipare il suo pacchetto di misure anti-crisi (American Recovery and Reinvestment Act), ma anche lanciato il sito Internet Recovery.gov per offrire un quadro completo e dettagliato delle iniziative in campo (che si traducono in altrettante opportunità) iniziative finanziate, fornisce aggiornamenti sull’attività anti-crisi del Governo federale e dei singoli Stati USA. Gli utenti hanno la possibilità di lasciare commenti e opinioni, e di seguire, tramite una mappa interattiva, lo sviluppo del Piano nei singoli Stati.

700_dettaglio2_obama

La strategia web del Governo americano è, inoltre, rafforzata dal sito Making Home Affordable, ideato e gestito del Dipartimento del Tesoro per offrire informazioni sui programmi di rifinanziamento e sulle modifiche apportate al sistema di concessione e gestione dei mutui. Il portale – che prevede anche una spanish version, per andare incontro alle esigenze dell’importante minoranza latino-americana – è ricco di schede informative, riferimenti utili, aggiornamenti sui principali appuntamenti con esperti della materia, notizie sui provvedimenti predisposti o in discussione da parte dell’amministrazione, sezioni FAQ, audio e video illustrativi. Speciali utilities consentono di verificare in automatico se si è nelle condizioni per ottenere un rifinanziamento del mutuo o altri aiuti economici e di calcolare le agevolazioni che si potrebbero ottenere dal Governo.

Anche nel Vecchio Continente si punta sul web in chiave anti-crisi. Il Governo spagnolo di Luis Zapatero, ad esempio, ha lanciato il sito Plan E, che ruota attorno a 5 macro-aree – famiglia, imprese, occupazione, finanza, modernizzazione dell’economia – contenenti schede tematiche approfondite ma scritte in linguaggio molto accessibile e speciali cortometraggi che – ricalcando la tecnica pubblicitaria dello slice of life – raccontano situazioni di vita vissuta per illustrare in modo didascalico agli spagnoli gli atteggiamenti e i comportamenti più giusti per affrontare la crisi economica e offrire informazioni relative alle misure di sostegno, come i sussidi di disoccupazione o gli incentivi per la famiglia.

immagine-2

Il sito – che, in nome della multiculturalità, è disponibile in ben 5 lingue: castigliano, catalano, inglese, allego (lingue parlate in Galizia e nei Paesi Baschi) – prevede anche incontri tematici in modalità chat con politici ed esperti di economia e finanza, nel corso dei quali gli utenti possono esprimere domande, commenti, i suggerimenti ed opinioni. L’aggiunta, rispetto al portale di Obama, è la scelta di utilizzare anche un canale Twitter per comunicare in tempo reale agli eventuali followers gli aggiornamenti del sito.

Anche il Governo Inglese ha lanciato una sua iniziativa: Real Help Now. Il portale voluto da Gordon Brown ruota essenzialmente intorno a tre cardini:

brown

una mappa interattiva che illustra le iniziative del governo nelle diverse regioni;
delle clip audiovideo che propongono aggiornamenti su iniziative e idee per il rilancio dei vari settori economici;
alcune sezioni tematiche che offrono soluzioni pratiche per affrontare la crisi a imprenditori e comuni cittadini.

realhelpnow

Il tono è molto più serio e formale rispetto all’esperienza spagnola, ma il linguaggio appare, in egual misura, volutamente sintetico e semplice.

E in Italia? L’unica iniziativa nel settore sembra essere quella del sito www.governoberlusconi.it, che però, vale forse la pena ricordarlo, non è lo spazio web ufficiale del Governo (che, come noto, è ospitato all’indirizzo www.governo.it). In questo caso, non abbiamo un sito tematico dedicato alle misure anti-crisi, ma solo una scheda informativa ospitata all’interno di uno spazio non ufficialmente governativo. La pagina-scheda riassume le iniziative governative per contrastare la crisi e illustra alcune forme di agevolazioni a sostegno delle necessità di famiglie e imprese. In un’altra sezione del sito, è anche possibile accedere ad un sondaggio per valutare le iniziative del Governo.

Nel complesso, la strategia web dei Governi in funzione anti-crisi economica sembrano essere accomunate dalla volontà di rispondere a 3 obiettivi fondamentali:

1. offrire rassicurazione: si comunica l’idea che il Governo è al lavoro;
2. trasmettere un’idea di trasparenza su come vengono (o verranno) spesi i soldi;
3. offrire qualche indicazione per l’auto-aiuto imprenditoriale e sociale.

In sostanza e in tutta onestà, dei “pannicelli caldi”, molto utili dal punto di vista comunicativo, ma con ovvi limiti dal punto di vista dell’impatto concreto.

D’altro canto, dubbi e riserve trovano riscontro anche nei principali appunti che vengono mossi a tali iniziative dal punto di vista tecnico-comunicativo. Linguaggio chiaro e semplice, basso livello di approfondimento, uso di applicazioni semi-interettive come le geo-mappe e forte ricorso ai video sono tratti comuni alle tre esperienze americana, spagnola e britannica. Tuttavia, a parte qualche uso circoscritto della chat e di altri canali di contatto, le potenzialità interattive e partecipative del web2.0 rimangono totalmente inespresse. Ma, d’altra parte, è onestamente difficile pensare di coinvolgere in modo sostanziale e fungibile i cittadini-internauti nella gestione di una crisi di cui gli stessi Governi stentano a trovare il bandolo della matassa.

Qui la fonte.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags:

Comments

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom