Top

La risposta delle imprese italiane

febbraio 28, 2009 by Italo 

Le imprese hanno risposto in modo positivo al mutare delle condizioni di competitività imposte dall’introduzione dell’euro, dall’emergere di nuove economie e nuovi Paesi in diretta concorrenza con le attività tipiche del made in italy.

La risposta si è realizzata, da un lato, in una positiva, seppur dolorosa, selezione delle aziende; dall’altro in un’intensa trasformazione delle imprese che hanno saputo inventarsi nuovi vantaggi competitivi.

Le pressioni della globalizzazione hanno indotto una reazione volta a cogliere le grandi opportunità offerte dal nuovo scenario, oltre che a contenerne i rischi. Al cuore di questa reazione è una strategia consapevole di presenza sui mercati internazionali.
Il dinamismo delle esportazioni, vero motore dell’economia italiana, è solo l’aspetto più visibile di questo fenomeno complesso: una vocazione internazionale nota nei contorni generali ma di fatto mai indagata nelle sue dinamiche profonde, nelle strategie che la orientano, nelle direttrici geografiche e nelle modalità di radicamento nei mercati mondiali.

23509_made_in_italy_large

Un dato emerge con chiarezza: la stagione della delocalizzazione alla ricerca di bassi costi di produzione è finita da un pezzo. Si è trasformata consapevolmente in una sorta di internazionalizzazione ‘invisibile’, che non è fatta solo di export e di investimenti diretti all’estero ma principalmente di conoscenza e, dunque, di reti di imprese e di investimenti in comunicazione, logistica, sistemi di garanzia verso il cliente.

Non è allocando meglio fattori immobili ma propagando conoscenze da un luogo all’altro del mondo che la nuova internazionalizzazione si impone e crea valore. La logica più profonda che la governa è il presidio strategico di nuovi mercati. Le più dinamiche delle medie imprese si sono messe da tempo su questa strada e anche le piccole si fanno contaminare e ne seguono il percorso virtuoso.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Tags:

Comments

2 Responses to “La risposta delle imprese italiane”

  1. Il caso J.Ashfield adv e l’internazionalizzazione della moda Made in Italy : www.italoblog.it on febbraio 23rd, 2010 09:09

    [...] La risposta delle aziende italiane deve essere trasparente perchè  ”un dato emerge con chiarezza: la stagione della delocalizzazione alla ricerca di bassi costi di produzione è finita da un pezzo. Si è trasformata consapevolmente in una sorta di internazionalizzazione ‘invisibile’, che non è fatta solo di export e di investimenti diretti all’estero ma principalmente di conoscenza e, dunque, di reti di imprese e di investimenti in comunicazione, logistica, sistemi di garanzia verso il cliente“. [...]

  2. A Siena si parla di “Nuovi modelli di business per nuovi scenari” : www.italoblog.it on marzo 21st, 2010 09:04

    [...] un nuovo cambio di vista: le imprese italiane vivono un’intensa trasformazione e non tutte hanno saputo inventarsi  nuovi vantaggi competitivi sia per la scarsa  diffusione delle ITC, segno di una scarsa propensione alla innovazione [...]

Lascia un commento





Spam Protection by WP-SpamFree

Bottom